Sanremo 2022, terza serata da “brividi”: Mahmood e Blanco sono primi in classfica. Le pagelle

La terza serata del Festival di Sanremo vede protagonista la musica senza fronzoli, con un super ospite, Cesar Cremonini, che si esibisce in un vero e proprio concerto all’interno della kermesse, alternandosi alle esibizioni dei concorrenti in gara. Questo è il Sanremo di blasonati nomi della musica italiana, che vi fanno ritorno dopo lunghi periodi di assenza, ma anche delle nuove proposte, che già conquistano consensi a poche ora dal debutto. Con Amadeus, Drusilla Foer, un personaggio femminile creato dal fotografo toscano Gianluca Gori. È una anziana e ricca vedova, caratterizzata da una personalità e un eloquio particolarmente salace, oltre che da un certo gusto per la moda. Sarcastica e pungente quanto basta, non fa rimpiangere i colleghi delle prime serate.

Ma adesso passiamo alle pagelle, curate dalla giornalista Maria Parente:

01Giusy Ferreri– Miele Voto 5. Ritmo latineggiante e il suo inconfondibile timbro di voce: dopo averla ascoltata, la canzone non rimane.

02 Highsnob e Hu – Abbi cura di te Voto 6. Una coppia inusuale, non si dimenticano facilmente: la loro Abbi cura di te, si ispira a sentimenti reali, ci mette poco ad entrare in empatia con il pubblico.

03 Fabrizio Moro– Sei tu Voto 4,5. Da sempre grande protagonista del Festival di Sanremo, vanta due vittorie: nel 2007 con Pensa per la categoria giovani e nel 2018 con Non mi avete fatto niente in coppia con Ermal Meta. Questa volta, però, delude: la sua Sei tu sembra riproporre il brano Che sia Benedetta di Fiorella Mannoia, anche questo brano sanremese, classificandosi seconda nella 67^ edizione.

04 Aka 7even – Perfetta così Voto 7. Giovanile, fresco, pronto per un palco come quello di Sanremo nonostante la sua giovane età. Bravo Luca!

05 Massimo Ranieri – Lettera di là dal mare. Voto 6,5 Un ritorno attesissimo, quello di Ranieri, dopo 25 anni, sul palco dell’Ariston. Il suo brano si richiama all’attualità, parla d’immigrazione, ma forse ha osato troppo: il pubblico è ancora lì ad intonare Perdere l’amore

06 Dargen D’Amico – Dove si balla Voto 5,5. Bella personalità quella di Dargen D’Amico, ricorda qualcosina di Francesco Gabbana: canzone orecchiabile, ma non si spinge oltre

07 Irama – Ovunque sarai. Voto 7. Astro nascente nel panorama musicale, Irama si dimostra un grande interprete, sconfessando i complotti sui prodotti musicali sfornati dai talent

08 Ditonellapiaga con Rettore – Chimica Voto 6,5. Torna la Rettore, sul palo di Sanremo, con Ditonellapiaga: il loro brano è un booster energizzante che spiazza l’Ariston

09 Michele Bravi – Inverno dei fiori Voto 5. Un altro ritorno a Sanremo, quello di Michele Bravi, ma la sua proposta non riesce a farsi spazio tra le prime posizioni della classifica(provvisoria)

10 Rkomi – Insuperabile Voto 5,5. Rkomi debutta nel panorama nazionale della musica italiana: gran bella occasione per un’artista, ma c’è ancora tanta strada da fare: per ora , di insuperabile, c’è solo il titolo della canzone.

11 Mahmood e Blanco – Brividi Voto 8. Mahmood si supera, stupisce, sorprende, sempre, ogni volta: con Blanco, magistrale interpretazione di un brano destinato ad aver uno straordinario successo.

12 Gianni Morandi – Apri tutte le porte Voto 7,5. Gianni Morandi non sbaglia un colpo: il suo brano sarà il nuovo tormentone dell’estate

13 Tananai – Sesso occasionale Voto 5,5. La canzone piace, ma la sua voce non sa valorizzarla

14 Elisa – O forse sei tu. Voto 7. E’ senza dubbio il festival dei ritorni: Elisa propone un testo che sposa a pieno il suo stile inconfondibile: sfiora il podio

15 La Rappresentante di Lista – Ciao ciao. Voto 5,5. Decisa, forte: La Rappresentante di lista ci riprova dopo la scorsa edizione salutando tutti: Ciao Ciao , non sfonda

16 Iva Zanicchi – Voglio amarti Voto 7. Che signora, la Zanicchi! Grande presenza scenica ma il suo brano non decolla

17 Achille Lauro – Domenica Voto 4,5. Achille Lauro puntualmente divide: c’è chi lo osanna e chi lo pesta pesantemente. Si scomoda persino l’Osservatorio Romano, per parlare di lui. Performance agnostica, anticonformista, cruda. Non vale la promozione

18 Matteo Romano – Virale Voto 5.

19 Ana Mena – Duecentomila ore Voto 4,5. La ragazzina sembra uscita da un fumetto manga: canzone carina, tra i tormentoni della prossima estate

20 Sangiovanni – Farfalle Voto 5,5. Il cantautore dedica le sue performance alla fidanzata: le farfalle volano, suona come buon auspicio per la sua avventura sanremese

21 Emma – Ogni volta è così Voto 6. Anche lei favorevolmente riaccolta sul palco dell’Ariston: l’altra volta fu un gran successo, magari anche questa: d’altronde Emma non sbaglia mai

22 Yuman – Ora e qui Voto 5,5. Una nuova proposta, Yuman non è un prodotto dei talent: la sua Ora e qui prova a difendersi tra i mostruosi big della canzone italiana.

23 Le Vibrazioni – Tantissimo Voto 5. Una band italiana talentuosa, ci riprovano anche quest’anno: il podio resta comunque un miraggio

24 Giovanni Truppi – Tuo padre, mia madre, Lucia Voto 5,5. Un titolo che è un programma, o meglio, una storia: Truppi sta facendo la sua corsa, si gioca le sue carte

25 Noemi – Ti amo non lo so dire Voto 6. Noemi è tra le voci più significative della musica italiana moderna. Meriterebbe di più

Classifica provvisoria, il podio della terza serata: 1.Mahmood e Blanco- Brividi; 2. Elisa- O forse sei tu; 3. Gianni Morandi

 © RIPRODUZIONE RISERVATA